giovedì 18 giugno 2009

Come eliminare dalla home page di Facebook quiz e applicazioni noiose

Se, come noi della redazione di Facebook Italia, dopo un primo entusiasmo iniziale, non amate più come un tempo le centinaia di quiz e test psicologici cui i vostri amici continuano a sottoporsi, la soluzione che fa per voi è molto semplice.

Si chiama Facebook Purity e rimuove completamente dalla faccia della vostra home page ogni "impurità", come dice il nome stesso di questo piccolo trucco che sarà un toccasana per gli utenti che amano più le applicazioni ufficiali di Facebook (come foto, post in bacheca, e compagnia bella) piuttosto che quelle che inviano pecore, baci o morsi di vampiro, e poi hanno anche la discrezione di farlo sapere a tutti in giro.

Per far funzionare Facebook Purity, innanzitutto, bisogna che usiate il browser Firefox, che è scaricabile da qui, sia per utenti Windows che Mac. Dopodiché, bisognerà installare un'estensione per Firefox (una sorta di plug-in) che sia chiama Greasemonkey, che permette di eseguire script con grande facilità e automatismo. Greasemonkey la scaricate da qui.

Infine, basterà cliccare qui per installare automaticamente Purity e, dal successivo riavvio di Firefox, provare per credere, non ci sarà più traccia di qui e applicazioni fasulle sulla vostra amata e, un tempo, interessante, home page di Facebook.

Share/Save/Bookmark

venerdì 12 giugno 2009

Facebook è finalmente fra le opzioni di condivisione di YouTube

Finalmente, dopo mesi di attesa, YouTube ha deciso di ufficializzare un'integrazione con Facebook Connect. Già aveva integrato Twitter, e davvero non si riusciva ad immaginare una spiegazione per il fatto di non aver ancora fatto altrettanto con Facebook, che è oltretutto molto più esteso e più "antico" di Twitter.

Ora è possibile autenticarsi tramite Facebook sul sito di YouTube e condividere automaticamente sul nostro social network preferito i video appena caricati.

Inoltre, come sempre, per condividere sul vostro profilo di Facebook (e, di conseguenza, sulla home page dei vostri amici) un video che vi è piaciuto particolarmente, basterà cliccare sul pulsante apposito, giusto sotto il player, accanto a quello dedicato a MySpace.

Un bel passo avanti per gli utenti di Facebook appassionati di video sharing.

Share/Save/Bookmark

lunedì 8 giugno 2009

Un po' di trucchi per Farm Town - prima puntata

Farm Town è il gioco agricolo che è salito in poche settimane dal suo lancio fra le applicazioni per Facebook. Nessun altro aveva saputo aggregare tanti utenti e tanti utenti disposti a tornarci, per giunta, in così poco tempo. E' previsto che superi in numero di accessi anche Pet Society, molto presto.

Ecco qualche trucco per tirare fuori il meglio dalla nostra proprietà terriera virtuale.

Il primo è senza dubbio questo. I punti esperienza, a Farm Town, si acquistano compiendo azioni, e queste azioni, come sapete, sono perlopiù cose come smuovere il terreno (1 punto xp) o seminare (2 punti xp). Il punto è che fra aratro e semina deve passare del tempo, diverso per ciascuna coltura. E la coltura più conveniente come tempi è senz'altro l'uva: solo 4 ore fra "ploughing" e "sowing". Dunque l'uva è la coltura migliore per fare punti rapidamente. Inoltre, se in un solo giorno riuscite a compiere tutto il ciclo produttivo dell'uva, ci risulta che sia anche la coltura più redditizia in assoluto, per quantità.

Share/Save/Bookmark

martedì 2 giugno 2009

Come essere buoni genitori su Facebook

Sull'avvento dei "genitori" su Facebook (ovvero i 40-50enni, che occasionalmente hanno dei figli, che non occasionalmente saranno iscritti a Facebook) non ci sono solo voci disfattiste o allarmiste.

La presenza dei giovanissimi su un network come Facebook è ormai inevitabile. Alcuni giochi e applicazioni, poi, ci sembrano studiati quasi appositamente per loro, fatte salve le dovute eccezioni e le involuzioni comportamentali del caso (chi non ha un amico che mette la cura della proprio abitazione su Pet Society al di sopra di quella della sua camera da letto?).

In realtà, per i tanti minori che, volenti o nolenti i loro genitori, le policy di Facebook e la stessa legge italiana, sono comunque attivi sul nostro servizio preferito di social network, la presenza dei genitori sullo stesso network può essere un'opportunità piuttosto che un problema. A volte, non troppo di rado, perfino un'ancora di salvezza da imbarazzi e pericoli.

In questo caso, tanto vale che i genitori possano esercitare una sorta di controllo sulle attività dei propri figli su Facebook. E uno dei modi migliori per farlo mi sembra quello di cominciare col seguire i consigli contenuti nel sito Facebook for Parents.

Innanzitutto, il sito deriva da un vero e proprio corso organizzato dall'Università di Stanford, e tenuto da psicologi e genitori esperti di social networking. La tesi principale? Guai a considerare Facebook come una stanza dei giochi, in cui i ragazzi possono sfogare la loro creatività senza l'intervento e la presenza delle figure genitoriali. Il punto è che, purtroppo, in nessuna "stanza dei giochi" si possono fare gli incontri che si possono fare su Facebook, né le attività svolte nelle stanze giochi finiscono archiviate online.

Per il resto, Facebook può essere davvero l'occasione di conoscere meglio anche i propri figli, come del resto accade con i nostri amici sparsi per il mondo, perché a volte pochi metri fra la nostra e la loro dimensione possono essere lunghi da percorrere come una rotta transoceanica.

Consigliamo a tutti i genitori presenti su Facebook, che abbiano dimestichezza con l'inglese, di iscriversi alla newsletter curata da Facebook for Parents.

Share/Save/Bookmark
Blog Widget by LinkWithin